COLLEGIO DE MÉRODE
scuola dei padroni pagata anche da noi

domenica, luglio 15, 2012
By Polit


Su “Rai Scuola” il canale pubblico della Rai dedicato alla scuola pagato con i soldi del canone, nella rubrica “School stories Italia” nella quale vengono presentati “Ritratti di scuole europee particolari/eccellenti: didattica innovativa, progetti sociali, incontro con alunni e insegnanti: in che cosa insiste l’eccellenza della loro offerta didattica”, non mancano gli spot alle scuole private cattoliche, quelle scuole cioè pagate anche di tasca nostra ma gestite dai preti.
Un esempio di questi ignobili spot pubblicitari a nostre spese è andato in onda domenica 15 luglio. Ad essere decantato è stato il “Collegio San Giuseppe – Istituto De Mérode” con un servizio ricco di lodi, riprese nelle aule, interviste agli insegnanti ed in particolare ad un allievo dell’istituto che, figlio di babbo e mammina ambedue medici, primari d’ospedale, annunciava di voler proseguire sulla stessa strada dei genitori.
Purtroppo tra gli intervistati, non abbiamo trovato nessuno studente figlio di operai o di cassintegrati. Chissà quale futuro ci avrebbero detto di immaginare per se.
Ma probabilmente di figli di operai e di cassintegrati all’istituto “De Merode” non ne è mai passato nessuno.
Di sicuro però, qualche madre o padre di studente proletario nell’eccellente istituto ci lavora: come inserviente. E dal suo stipendio paga le tasse con cui viene finanziata quella scuola dove suo figlio non potrà mai mettere piede.
Sicuramente, quell’inserviente, prenderebbe volentieri a calci in culo lo studente che abbiamo potuto vedere nel servizio.
Sicuramente quell’inserviente avrà un figlio in una scuola pubblica che sconta la mancanza di risorse economiche che vengono dirottate sulle scuole cattoliche frequentate dai figli dei padroni e degli evasori fiscali.
Quell’inserviente, tra l’altro, difficilmente potrà scioperare. Uno dei preti intervistati, infatti, sottolineava come nell’istituto non c’è alcun rischio che ciò avvenga. Anche perché non si capisce contro cosa e chi dovrebbero scioperare gli studenti dell’Istituto. Contro i padroni? Cioè contro i loro Paparini?

Se siete curiosi, da qui potete scaricare in pdf l’annuario del “Collegio San Giuseppe – Istituto De Mérode”.
se però incontrate per strada qualcuno dei personaggi che potete trovare tra quelle pagine, se vi viene voglia di prenderli a pedate nel culo, sappiate che noi RIBADIAMO di essere contrari alla violenza. Non vogliamo avere rogne. Se proprio non potete farne a meno, fate pure. Ma la responsabilità sarà solo vostra.

Noi, da parte nostra, proveremo a chiedere all’esimio istituto se tra gli allievi che lo frequentano ci sono figli di operai ed in che percentuale. Pubblicheremo la risposta. Se ci sarà.

Tags: , , , ,

28 Responses to “COLLEGIO DE MÉRODE
scuola dei padroni pagata anche da noi

  1. Ale

    Prima di scrivere un articolo con questi contenuti occorrerebbe informarsi. Il padre di mio figlio e’ metalmeccanico e mio figlio si trova benissimo al De Merode. A.

    #112501
    • Polit

      Se “il padre di suo figlio” è metalmeccanico evidentemente Lei non lo è.
      Se invece anche Lei fosse metalmeccanico, come lo è “il padre di suo figlio”, saremmo davvero curiosi sapere in quale azienda i metalmeccanici hanno uno stipendio che permette di pagare la retta del “Collegio San Giuseppe – Istituto De Mérode”.
      Ci faccia sapere, lo comunicheremo a Landini che sicuramente non potrà che essere contento nel sapere che le lotte operaie nell’azienda dove lavora “il padre di suo figlio” hanno dato ottimi frutti.

      #112502
    • I.P.

      Ma quanta invidia! Certamente, c’e’ tanta gente che non puo’ permettersi di pagare la retta della scuola privata perche’ di solito ha altre priorita’. Io vivo in affitto, prendo solo i mezzi pubblici e non possiedo una macchina e nemmeno un telefonino con Internet per pagare la retta della scuolaprivata di mio figlio. Mentre un proletario medio del mio quartiere possiede 2 macchine per famiglia, una casa in citta’ e una al mare e un paio di IPhone a 800 euro. Veramente non capisco come ci riescono con tutte queste spese di pagare una scuola privata. Ed e’ vergognoso chiamare evasori chi non conosce, signor proletario. Ma nella scuola statale forse queste cose non le insegnano…

      #112509
      • Polit

        Non invidia, Signor “I.P.”. Ma sano odio sociale.
        Sanissima voglia di giustizia sociale che, al punto in cui siamo, non possiamo che desiderare abbia un esito violento.
        Un sano periodo di terrore “giacobino” che faccia scorrere un bel po’ di sangue di carogne capitaliste.
        Circa il “proletario medio” del suo quartiere, se lei non capisce come faccia a sostenere le spese che si permette, o Lei è ingenuo o è un poco scemo.
        È evidente a chiunque, infatti, che non si tratta di un proletario ma uno di quegli sciacalli schifosi che, non solo si sono arricchiti alle spalle degli altri, ma che evadono pure il fisco.
        Ci ragioni un po’. Chissà che non venga anche a lei il sano desiderio di fare giustizia.

        #112512
  2. G

    Io attualmente sto svolgendo le superiori al collegio San Giuseppe de merode ,e posso dire per eperienza personale che l’ambiente scolastica non ? florea come Voi pensate e non tutte le persone sono ricchi evasori come li descrivete voi , molti miei amici sono persone normali ,le cui famiglie per permettere hai loro figli di andare in questa scuola fanno i salti mortali .signor polit secondo me lei è enormemente invidiose di nn potersi permettere questa scuola .lei sottolinea con gran disprezzo il perche in questo istituto non ci siano figli di operai ma solo figli di persone benestanti ,la risposta e molto semplice non sipossono permettere una retta di 6mila € a quadrimestre perche nn riescono a guadagnare a sufficienza .lei disprezz molto noi ma nn siamo mica noi che decidiamo che lavoro dovete svolgere siete voi a deciderlo. Ogni uno fin da piccolo getta le fondamenta per il proprio futuro se le fondamento sono fragile e quasi inesistenti nn può pretendere che da grande svolgerà svolgerà incarichi illustri .quindi invecede di cercare di infangare persone di cui lei e molto invidioso cerchi di gettare delle basi solide per il futuro dei suoi figli se ne ha ,così magari i suoi figli potranno essere diversi da come e lei cioè un insignificante contestatore socialista

    #112541
  3. G

    Io attualmente sto svolgendo le superiori al collegio San Giuseppe de merode ,e posso dire per eperienza personale che l’ambiente scolastica non ? florea come Voi pensate e non tutte le persone sono ricchi evasori come li descrivete voi , molti miei amici sono persone normali ,le cui famiglie per permettere hai loro figli di andare in questa scuola fanno i salti mortali .signor polit secondo me lei è enormemente invidiose di nn potersi permettere questa scuola .lei sottolinea con gran disprezzo il perche in questo istituto non ci siano figli di operai ma solo figli di persone benestanti ,la risposta e molto semplice non sipossono permettere una retta di 6mila € a quadrimestre perche nn riescono a guadagnare a sufficienza .lei disprezz molto noi ma nn siamo mica noi che decidiamo che lavoro dovete svolgere siete voi a deciderlo. Ogni uno fin da piccolo getta le fondamenta per il proprio futuro se le fondamento sono fragile e quasi inesistenti nn può pretendere che da grande svolgerà svolgerà incarichi illustri .quindi invecede di cercare di infangare persone di cui lei e molto invidioso cerchi di gettare delle basi solide per il futuro dei suoi figli se ne ha ,così magari i suoi figli potranno essere diversi da come e lei cioè un insignificante contestatore socialista

    #112543
    • Polit

      Caro “G”, l’unico sistema per “gettare basi forti” per coloro che non possono permettersi rette da seimila euro a quadrimestre è fare fisicamente fuori quel 10% che possiede il 50% della ricchezza del Paese, quel 10% a cui appartengono i maialetti che frequentano le scuole private finanziate anche con i soldi pubblici; finanziate quindi anche con i nostri soldi.

      #112554
      • 1155

        Ma cosa dici le scule private sono pagate dai nostri genitori ritorna tu nel tua stalla conbi tuoi cari e ricordati che l invidia é una brutta cosa cari saluti andrea. Fiero di essere demerodiano

        #112718
        • Polit

          Informati carino: Al tuo babbino e alla tua mammetta lo Stato dà un sostanzioso contributo.
          I contributi alle scuole paritarie, per il 2015, complessivamente ammontano a 471,9 milioni di euro.

          #112719
          • T

            Innanzitutto le scuole private non sono finanziate dallo stato.
            Poi smettila di essere invidioso e di avercela con il mondo.

            #112724
  4. Alexandra

    Certo che andare in una scuola dove si pagano 10mila euro l’anno di tasse per scrivere ” hai loro figli” con l’acca mi fa pensare che sarebbe meglio destinare quei soldi a qualcos’altro……..

    #112562
  5. giuliana

    Concordo pienamente!

    #112586
  6. maurizio d

    debbo dire onestamente che non conosco la situazione di retta e tipologia di iscritti di oggi al san giuseppe de merode, però io e mio fratello, appena orfani di padre e quindi privati di un decoroso ma onesto reddito, ci siamo stati dal 1973 al 1982 in semiconvitto e anche in convitto quando mia madre ebbe impegni… ed oltre ad avere ricevuto ottimi insegnamenti e ad avere fatto ottime amicizie con amici grandi lavoratori figli di grandi lavoratori, amicizie che durano tuttora (al apri delle amicizie conservate con quei professori che ancora sono vivi) non mandammo in rovina nessuno… la retta era di 3 milioni l’anno con sconto per secondo familiare… c’erano figli di politici, principi, figli di attori etc. ma al 90 percento erano semplicemente figli di genitori che non volevano mandare i figli in scuole dove si scioperava e dove girava droga…ora le scuole pubbliche sono migliorate e il san giuseppe può anche essere una questione di elite ma rimane comunque una ottima scuola per chi è disposto a pagarne la retta…ci stanno tanti arricchiti che spendono 60 mila euro per una auto… se spendessero 50 mila euro per l’intero corso liceale del figlio al san giuseppe spenderebbero meglio i soldi (sarebbe un investimento migliore…al sangiuseppe si insegna a gestire la propria vita e a non sprecare tempo e soldi in cose inutili e che non ci si può permettere!…)…capisco che questo sito sia dedicato all’odio sociale però non si può avere la coscienza a posto nello sparare a zero su persone che non si conoscono…insultare persone che non si conoscono nasce o dalla ignoranza o dalla invidia… invida peraltro sciocca dato che come ho spiegato al san giuseppe c’erano (c’erano…ora non so…)studenti impegnati e basta… vorrei fare presente che non bastava pagare per essere promossi…iniziammo il primo scientifico in 33…se ne aggiunsero altri 12 gli anni seguenti, per un totale di 45 quindi… se ricordo bene arrivammo in 21 alla maturità… gli altri furono obbligati a lasciare la scuola o per rendimento insufficiente o per condotta… sul voto in condotta contava anche il comportamento fuori dalla scuola,anche le notizie che giungevano sul comportamento in vacanza… cionostante nel tempo libero ci siamo divertiti anche noi…non ci droghiamo, non rubiamo, non insultiamo il prossimo, nè i fascisti nè i comunisti… non penso che siamo da disprezzare… e neppure da invidiare: quello che abbiamo ce lo siamo guadagnato… ultima osservazione: qualcuno, è vero, ha intrapreso lo stesso lavoro del padre, medico o ingegnere che sia, altri invece si sono inventati traduttori, pittori di appartamenti, fotografi, allenatori sportivi e quant’altro, senza prendere un soldo o un solo metro cubo di spazio dai genitori… per quanto riguarda il 10% che possiede il 50% della ricchezza del paese concordo, sia io che miei compagni del san giuseppe, che ciò è ingiusto: i patrimoni vanno distribuiti, non accumulati da pochi… ma come dice l’autore di questo offensivo articolo i ricconi sono il 10 percento degli italiani… non si può quindi dare dei maiali al 100 percento degli studenti del san giuseppe… pur condividendo appieno gli ideali comunisti e socialisti devo fare notare che secondo il celebre libro La Fattoria degli Animali di George Orwell i maiali non erano affatto i cattolici ma quei politici, per niente cattolici, che si spacciavano per comunisti ma facevano leggi a loro esclusivo vantaggio, da cui il venire dipinti come maiali… pure essendo anche io un idealista e sostenitore della distribuzione del benessere fra tutti chiedo all’autore degli insulti: quanti leader comunisti sono vissuti da poveri, senza arricchirsi con il loro incarico da leader comunista?… A me vengono in mente solo due “comunisti” poveri: Gesù e Gandhi…entrambi morti prematuramente nella figura terrena… altrileader comunisti si sono arricchiti, altri hanno fatto i tiranni… alla fine gli unici che possono salvarsi saranno i veri umili che vivono umilmente ma senza odiare o nutrire invidia… perchè odio invidia e violenza sono peccato dal punto di vista cristiano ma anche dal punto di vista della costruttività individuale e sociale. Per concludere vorrei ricordare che ci sono state persone di immenso successo economico che hanno distribuito i loro guadagni fra i dipendenti e donandoli per costruzioni di cliniche (vedasi George Eastman fondatore della Kodak e donatore dei famosi ospedali odontoiatrici)… anch lo stesso Al Fayed, padre di Dodi (morto con la principessa Diana)oltre ad essere molto generoso e umano con i suoi dipendenti, ha fondazioni benefiche…tantissime persone di successo, medici, attori e attrici (vedasi la bella Claudia Koll)hanno dedicato tutte le loro energie e le proprie risorse per il prossimo…tutti i miei familiari, nel loro piccolo, hanno sempre regalato tempo e denaro al prossimo più bisognoso… persone fra le più ricche del mondo quali Bill Gates della Microsoft hanno deciso di lasciare il 95% dei loro beni in beneficenza…altri hanno diseredato i propri figli e nipoti per costringerli a farsi la gavetta… Io penso che quelli che hanno fatto fortuna senza gravare sullo stato non siano da insultare, se hanno guadagnato onestamente, se hanno pagato le tasse dovute e se danno lavoro decoroso… diversamente vedo gli stipendi e le pensioni d’oro a favore di persone che non hanno materialmente fatto alcunchè… ma hanno semplicemente avuto la fortuna o arroganza di accappararsi posizioni di comando dove non faticavano ma guadagnavano e guadagnano sulle spalle dei contribuenti…ecco…io credo che ci debbano essere dei limiti agli stipendi d’oro al fine di aumentare, per quanto possibile, gli stipendi e le pensioni più basse. La frequentazione di scuole o università private come già detto lo vedo come un investimento per tutti coloro che non vogliono rischiare di perdere tempo con scuole con problemi o università con assistenti inetti che bocciano o promuovono secondo le proprie simpatie personali o politiche… io ho visto professori presidi di facoltà e assitenti bocciare studenti esemplari solo perchè figli di politici di partito opposto e trattare con i guanti studenti politicizzati dello stesso partito…ho visto bocciare studenti universitari con il professore che dava diecimila lire allo studente appena bocciato dicendogli “la prossima volta presentati con una cravatta”…queste ingiustizie nelle scuole o università private non succedono…se si è preparati si viene promossi indipendentemente da idea politica o abbigliamento… fra miei compagni di classe promossi ci sono figli di presidi statali (entrambi genitori professori statali) ci sono ingegneri aeronautici famosi chirurghi di occhi oncologi pittori imbianchini e pittori di quadri…fra quelli buttati furoi per condotta vi sono uno psicopatico figlio di gente umilissima che colpì un professore con un libro in faccia (reclamammo tutti, studenti e genitori, per questa punizione)e uno che 5 anni fa a 45 anni stava alla terza moglie e quarto figlio… fra gli allievi del san giuseppe ci sono stati i figli di Girotti (Terence Hill), di Johnny Dorelli… fra gli allievi del Nazzareno, scuola di preti sul lato opposto di piazza di Spagna, ci è stato Carlo Verdone… sono le 6 am e mio figlio, studente di scuole statali e studente a ultimo anno di università statale è uscito per dare il suo tredicesimo esame di economia, voti dal 25 al 30… guadagna e paga tutto da sè dalla età di 14 anni. mi offre pure, quando usciamo assieme…Ben venga la protesta sociale, il dare del maiale a chi abusa, però i maiali non sono nè i preti del San Giuseppe nè gli allievi degli stessi. salutoni…Maurizio D.

    #112587
  7. maurizio d

    bel sito di protesta ma questo artcicolo è toppato in pieno…io e mio fratello siamo degni allievi del san giuseppe ora 50 enni, ci andammo da orfani, come altri… ci stavano un 5% figli di principi e politici ma anche figli di proletari figli di presidi di scuole statali etc. su 33 del primo scientifico se ne sono aggiunti altri 12 gli anni seguenti… usciti promossi al quinto anno siamo stati in 21… mio figlio stamani si è alzato alle 5 ed è uscito alle 6 per dare suo tredicesimo esame ad economia con voti da 25 a 30…guadagna e si paga tutto da solo, incluso studi, dalla età di 14 anni…i maiali non sono i preti del san giuseppe ma quei leader comunisti de l fattoria degli Animali, della Russia, della Cina e della Ex Jugoslavia…

    #112590
  8. maurizio d

    in merito al commentodi IP qua in cima… ci stanno davvero proletari con triple case e due macchine da 50 mila euro… per cui ben venga fare sacrifici e pagare una scuola privata per qualche anno pur di sbrigarsi a finire gli studi e iniziare a lavorare… fra i miei compagni del san giuseppe ci stavano anche principi che si pagavano le spese dipingendo case dei compagni di classe…io ero fotografo (gratuito, venivo chiamato durante le lezioni da fratel Manlio, direttore della rivista Piazza di Spagna) della scuola dalla età di 14 anni e tuttora faccio il fotografo alla età di 50 anni…fotografavo con la Rollei di fratel Manlio (al secolo Lino bernardini… saggio prof di sotria filosofia e scienze che non ci ha fatto una sola ora di religione: partite a pallone a villa borghese, mostre di pittura, gite culturali)…ai tempi della scuola esponevo lì a piazza di Spagna…ora dispongo di 250 mila euro di attrezzature e non ho evaso un centesimo di fisco…anzi, sono creditore col fisco perchè verso di più per non rischiare di sbagliare e prendermi sanzioni…di risparmi ne ho solo quanti basta per sopravvivere pochi mesi senza entrate…

    #112591
  9. maurizio d

    ultimo ps…prima di fare altro… al san giuseppe gli inservienti del san giuseppe i figli ce li mandavano ai tempi miei… i rapporti professori laici professori preti studenti donne delle pulizie e cuoche erano e sono ottimi… mio fratello da neolaurato (a università pubblica) ha dato supplenze al san giuseppe ed è stato allenatore della famosa squadra di basket dello stesso collegio (la Stella Azzurra)… i prof. laici del s.giuseppe sono dei veri proletari. Io adoro la protesta e il sano odio sociale contro abusi ma al san giuseppe di pseudo-abusi ne ho visti solo due: sospensioni per aggressioni a professori preti…fra l’altro a due preti molto poco preti…furono delle discussioni fra teste calde in cui i miei compagni di classe non hanno accettato la sacrosanta critica (in quanto professori più anziani di noi)…uno tirò un libro in testa al prof prete, l’altro gli disse che era un vecchio rimambito e non volle chiedergli scusa…da cui la sospensione per farlo riflettere…io ho avuto voto basso alla maturità e al reclamo il responsabile di classe presidente della commissione ha risposto che io non gli ho fatto un favore i giorni prima dell’esame (non mi presentai, mandandogli a dire che stavo studiando la sua materia) mi ha fatto sapere che Non Esiste Solo lo Studio… (ovvero: dare una mano al prossimo è più importante del successo…)…

    #112592
  10. rs

    I miei figli frequentano il San Giuseppe… non siamo persone privilegiate ma genitori che tra mille fatiche hanno investito sull’educazione dei propri figli. Pensate, che frequentano la scuola anche i figli degli insegnanti stessi. E’ un’ ottima scuola… si studia seriamente… ancora si respira aria di disciplina, educazione e rispetto.

    #112596
  11. mario i91

    Al S. Giuseppe si apprendono sia il rispetto che la tolleranza senza guardare o giudicare gli altri….cose del tutto assenti in questo articolo pieno di astio tanto inutile quanto ingiustificato

    #112653
  12. Linda

    Io mi sono trovata MALISSIMO al De Merode…Non vi è alcuna collaborazione fra il vice preside ed il preside con la famiglia nel caso di figli difficili. Ho chiesto loro un supporto per la gestione di mio figlio in piena ribellione senza che questo comportasse alcun benefit scolastico. Ebbene mi sono trovata di fronte un muro solo perché mio figlio è maggiorenne…. Peccato però che non è autosufficiente e quindi la retta non la paga lui…….Sono molto pentita di avere iscritto mio figlio al DE MERODE dove l’apparenza regna sovrana. Tanto meglio allora una scuola pubblica dove la poca collaborazione scuola famiglia può anche essere comprensibile per logiche diverse. IL RISPETTO E LA TOLLERANZA sono due valori sconosciuti in questo istituto. UNA VERA DELUSIONE

    #112690
  13. franco palombi

    Ho 75 anni e sono stato al S Giuseppe DM 13 anni, dalla prima elementare al 5 liceo scientifico.
    A parte che nella mia classe c’erano alunni di famiglia umile come di famiglia più dotata economicamente. Avete però dimenticato di dire due cose.
    Con i proventi della retta i Fratelli delle Scuole Cristiane ci finanziano molte altre scuole dove non si paga nulla. Informativi meglio. Ce ne sono alcune anche a Roma.
    Per quanto riguarda i fondi pubblici che vengono, secondo voi, erogati vi siete mai chiesti una cosa? Se non c’erano le scuole private per far studiare tutta quella gente che c’era bisognava di creare altre scuole con dei costi pazzeschi considerando l’efficienza del settore pubblico. All’estero se lo sono chiestobed infatti le scuole private vengono sovvenzionate proprio per questo motivo: Perché sono più efficienti. Avete fatto una pessima figura!!!

    #112694
  14. Mara anselmi

    Non posso che parlare bene del San Giuseppe: attualmente due dei miei tre figli che frequentano questa scuola con ottimi risultati. Insegnanti preparati, affettuosi e attenti con i piccoli, un coordinatore sempre preciso e a disposizione nel risolvere qualsiasi problema. Un clima familiare dove il rispetto, la disciplina e lo studio sono all’ordine del giorno. La retta e’ un po cara ma e’ un investimento sicuro per i nostri figli: figli di due genitori qualunque . Con immensi sacrifici! Ci sono tate persone “normali” che frequentano l’istituto.. I figli delle maestre, delle cameriere del bar… poi per carità ci sono i finti snob, gli attori e gente poco probabile (i figli non andranno molto avanti)!
    E’ vergognoso e poco cattolico fare le affermazioni dell’autore del post.

    #112696
  15. Polit

    # T:
    “non sono finanziate dallo stato”??? Ma dove vivi? Leggi i giornali?
    http://espresso.repubblica.it/inchieste/2015/01/19/news/scuole-private-soldi-pubblici-1.195428

    #112726
  16. Anonimo

    Sei un rosicone , fallito e frustrato dalla vita .
    Rimboccati le maniche e lavora ,invece di guardare e rosicare su ciò che fanno gli altri

    #113114

Leave a Reply

The Byron’s Corner

ASSE ROMA-BERLINO-TOKYO?

By Byron

Il Ducetto Renzi, forte del consenso ottenuto alle Europee si sta dando da fare per riposizionare l’Italia nel mondo, corteggiando l’algida Merkel con le... »

Larghe Intese

By Byron

De Fanis (PDL ) assessore per la Cultura della Regione Abruzzo (arrestato per tangenti)aveva sottoscritto un contratto con la sua segretaria: fare sesso 4... »

L’ultima s…cena?

By Byron

Qualche giorno fa Papa Bergoglio, che non ci risulta essere un comunista, ha paragonato la corruzione ed il malaffare al “pane sporco” e  alla... »

QUESTO AVVISO SI RENDE NECESSARIO IN OSSEQUIO AD UNA NORMA PARTORITA DAI BUROCRATI CHE GOVERNANO QUESTO CAZZO DI "UE". Questo sito usa i cookies strettamente necessari per il suo funzionamento. Proseguendo la navigazione dai il tuo assenso al loro utilizzo.
Ok