assolto pur avendo commesso il fatto
IL CAVALIERE ELUDE ANCHE LA GIUSTIZIA


   Negli Usa, paese da egli tanto amato, Berlusconi (tessera P2 n.1816) per il reato di falso in bilancio avrebbe avuto una condanna che sarebbe potuta arrivare a venticinque anni di carcere.

  Ma in Italia, Berlusconi, (tessera P2 n. 1816) il maggior esperto in frodi, imbrogli, corruzione, evasione ed elusione fiscale, falsificazione di bilanci societari, ancora una volta è riuscito a sfuggire alla giustizia.
  C’è riuscito piegando di volta in volta alle proprie sporche esigenze le norme giuridiche che sanzionavano i suoi comportamenti e che non erano funzionali ai suoi sporchi affari.

  Suoi complici sono stati Fini ed i suoi colonnelli e camerati, Bossi ed i suoi nazileghisti in camicia verde, Follini, Buttiglione e Casini e la loro schiera di baciapile.

  Il berlusconismo, sarà ricordato come un periodo di decadenza civile e morale paragonabile a quanto avvenuto durante il fascismo.

  Le cicatrici delle ferite provocate da questo regime saranno molto a lungo evidenti sulla pelle di questo nostro Paese.

  3 comments for “assolto pur avendo commesso il fatto
IL CAVALIERE ELUDE ANCHE LA GIUSTIZIA

  1. Anonimo
    12 Ottobre 2005 at 01:29

    Giuste le critiche al Berlusca. Ma prima di paragonare i giorni nostri agli anni del fascismo, meglio farsi rinfrescare la memoria dai nonni…

  2. politbjuro
    12 Ottobre 2005 at 16:42

    Cara o caro “Anonymous”, paragonare i nostri giorni al fascismo è possibile tenendo conto delle differenze tra la/le società di allora e quella/e contemporanea/e.
    Il termine “regime”, continua ad essere rifiutato da molti perché equivarrebbe ad ammettere che l’incubo che stiamo vivendo è appunto solo un sogno, che la separazione dei poteri esiste ancora così come l’eguaglianza dei cittadini davanti alla legge, e che non esiste la censura.
    Anche l’avvento del fascismo venne favorito dalla sottovalutazione del pericolo, e questo regime, adeguato ai tempi, adotta delle strategie che mascherano il suo autoritarismo.

    Comunque a proposito di rinfrescare la memoria, ti rimando ad un libro che sicuramente troverai illuminante: “Regime”, di Travaglio Marco e Gomez Peter. Costa solo 9,50 euro e ti assicuro sono ben spesi.

  3. Anonimo
    13 Ottobre 2005 at 00:45

    Sono da dodici anni un convinto oppositore dell’ometto di Arcore, e sono anch’io in grado di rendermi conto di tutte le porcherie che ci circondano, e di quello che tu correttamente chiami “degrado civile e morale”. Con tutto ciò, non riesco a convincermi di vivere in un regime anche solo lontanamente paragonabile a quello del Duce. Il libro ce l’ho in libreria, vedrò di buttarci un occhio. Grazie del consiglio.

Comments are closed.