dopo l’attacco di Grillo alla “Biagi-Treu”
CASINI: BIAGI SANTO SUBITO

   Dopo gli attacchi di Beppe Grillo alla famigerata “Legge Biagi”, che ha certificato una nuova forma di schiavitù, si sono alzati alti lai di lesa santità del giuslavorista ucciso.
  In testa a tutti, Pier Ferdinando Casini, che vivendo more uxorio con la figlia di un palazzinaro, e ben conoscendo quindi i vantaggi per i padroni che questa ignobile legge permette, dichiara che della manifestazione “dovremmo tutti vergognarci”.
  Evidentemente non la pensano così la marea di gente che ha partecipato al V-Day.
  La Legge Biagi è una merda e il fatto che Biagi sia stato ammazzato da dei cretini criminali non ne fa un santo. La sua uccisione, infatti, non bastare a giustificare la giustezza delle sue tesi.
  Sarebbe come dire che l’uccisione del Papa basterebbe a certificare l’esistenza di Dio.

   A noi non importa se Biagi stia o no in paradiso. Ciò di cui siamo certi e che i lavoratori, con la “Biagi”, stanno all’inferno.

 
 
Ecco di seguito il testo contenuto nel video che è stato trasmesso ieri durante il V-Day in piazza Maggiore a Bologna scatenando roventi polemiche.

   La legge Biagi ha introdotto in Italia il precariato. Una moderna peste bubbonica che colpisce i lavoratori, specialmente, ma non solo quelli giovani.
  Prima non c’era e adesso c’è¨.
  Ha trasformato il lavoro in progetti a tempo.
  La paga in elemosina.
I diritti in pretese irragionevoli.
  Tutto è diventato progetto per poter applicare la legge Biagi e creare i nuovi schiavi moderni.
  Dal pulire i cessi al rispondere al telefono.
  Lavoratori dipendenti si sono dovuti, loro malgrado, trasformare in “imprenditori” con partita Iva, senza soldi e senza sicurezze.
  Senza niente. Neppure la dignità.
  Neppure la speranza degli operai degli anni ’50. Che vivevano di sacrifici, ma sapevano che i loro figli avrebbero avuto una vita migliore.
  Questo libro è la storia collettiva di una generazione che sta pagando tutti i debiti delle generazioni precedenti.
  Tutti gli errori. Tutte le mafie, tutti gli scandali, tutte le distruzioni di aziende da parte di finanzieri farabutti.
  Una generazione che non andrà mai in pensione.
  Che sta pagando la pensione ai vecchi.
  Che si sta incazzando.
  Che non ha rappresentanza politica.
  Una generazione senza soldi, senza tfr, senza speranze professionali.

   Una generazione di schiavi moderni.
  La legge Biagi doveva inserire nel mondo del lavoro i giovani. Ha invece trasformato i giovani in merce a basso costo.
  In questo gorgo sono anche finiti i lavoratori di quaranta, cinquant’anni che per non morire di fame insieme alle loro famiglie si sono dovuti adattare. Hanno dovuto aprire una partita Iva e si sono uniti al popolo dei precari.

  1 comment for “dopo l’attacco di Grillo alla “Biagi-Treu”
CASINI: BIAGI SANTO SUBITO

Comments are closed.