25 Aprile
MALESSERI DI STAGIONE

   Ci provano. Si trattengono. Si mordono la lingua per non dire quello che in realtà pensano.
  Ma quando arriva il 25 Aprile, il bruciore della sconfitta diventa per loro insopportabile.
  E vomitano tutto il loro rancore.
  Ecco quindi un Gianfranco Fini traboccante di bile che dichiara: “Il 25 aprile deve essere una festa all’insegna della verità storica e non della faziosità ideologica”.
  E un Lorenzo Cesa che proponendo un parallelismo tra comunismo e fascismo grufola: “Il primo ha provocato lutti e disastri peggiori del secondo”.
  Il leader del “Porcile della Libertà”, Silvio Berlusconi (tessera P2 n. 1816), libero da impegni ufficiali, tace. Ma ha già avuto modo, durante il suo quinquennio di governo, di far capire quanto malessere gli provoca questa ricorrenza.

  6 comments for “25 Aprile
MALESSERI DI STAGIONE

Comments are closed.