deliri vaticani
ANCORA FURORI OSCURANTISTI DAL VATICANO

Pontificio Consiglio per la Famiglia
   Il Pontificio Consiglio per la Famiglia diretto dal cardinale integralista Lopez Trujillo, ribadendo una visione del mondo oscurantista e reazionaria, torna ad attaccare i “pacs” affermando che: “Mai come ora l’istituzione naturale del matrimonio e della famiglia è vittima di attacchi tanto violenti”.
  In un violento delirio di intolleranza fascista, il dicastero vaticano, analizzando il tema “Famiglia e Procreazione umana” si scaglia contro il diritto all’aborto, contro l’inseminazione artificiale e la “manipolazione genetica”, e contro le normative che, in tutti i paesi civili, riconoscono alle coppie omosessuali i diritti di tutti gli altri cittadini.
  Per i fanatici integralisti del Pontificio Consiglio per la Famiglia, tutto ciò andrebbe contro quei “principi naturali” di cui i cattolici si sentono gli unici interpreti autorizzati.
  Autorizzati dal loro Dio, ovviamente.

   Come sempre, il loro latrare sarà inteso come la folcloristica manifestazione di una setta fanatica, seppur numerosa, senza alcun reale seguito nelle società secolarizzate dell’occidente.
  Non sarà così in Italia.
  Da noi, nugoli di baciapile interessati, sempre pronti a strisciare davanti ad ogni tonaca, si faranno immediatamente interpreti degli ordini vaticani, perpetuando il medioevo cattolico nel quale è costretto il nostro Paese.
  Fra questi, non mancherà sicuramente il più stronzo di tutti: Francesco Rutelli.

  4 comments for “deliri vaticani
ANCORA FURORI OSCURANTISTI DAL VATICANO

  1. 14 Giugno 2006 at 18:24

    Politbjuro, parecchie volte non riesco ad entrare nel tuo sito. Mi appare una finestra che mi chiede il controllo ActiveX e poi la pagina web si chiude da sola. Pensi che un’intercessione della Vergine a Loreto possa ajutarmi?

  2. 19 Giugno 2006 at 23:55

    Grazie della segnalazione, Bradipo Accidioso; cercherò di capire perché ciò accade cercando informazioni sul forum di “WordPress” e sperando di avere una risposta. Purtroppo io di informatica sono completamente digiuno e sono costretto a “mendicare” in giro aiuto. Spero di trovarlo.
    Certo un intervento “dall’alto dei cieli” sarebbe sicuramente risolutivo.

  3. Zaratustra
    23 Agosto 2006 at 12:25

    Da che il Vaticano risiede sul nostro patrio suolo, tutto ciò che non viene approvato dal Papa e dai cattolici innesca, ogni qualvolta qualcuno ha l’ardire di proporlo, una vera e propria guerra santa. E come ogni guerra lascia dietro di sé morti e feriti. Anche se la vittima sacrificale preferita è sempre la libertà civile. Mi è stato insegnato da un padre (cattolico, pensate!) che la libertà individuale, dopo la maggiore età consiste nel gestire la propria condotta privata e sociale senza mai ledere le libertà altrui o arrecare danno. Se uno stato riconosce lo stato di coppia di fatto, attribuendole un valore civile e riconoscendo dei diritti a conviventi i quali si sono dati (magari per una vita) mutua assistenza affettiva ed economica, non può poi decidere di discriminare arbitrariamente le categorie che devono essere incluse o escluse da questo ‘Status’ specialmente se si basa, nel farlo, su principi religiosi!!! Se una persona anziana, priva di reddito, convive con un fratello che percepisce una pensione, lo assiste, lo accudisce e viene a sua volta accudito. C’è un rapporto di reciproco vantaggio che magari dura per anni, perché alla morte del pensionato, all’altro deve essere negato il diritto di vedersi riconoscere la pensione del fratello? Perché non lo ha sposato??? Analogamente, una coppia omosessuale, non è laicamente una coppia PRIMA e al DI SOPRA della propria omosessualità? Che gliene frega allo Stato se una coppia di fatto è composta da due uomini, due sorelle, una suocera e una nuora… Si tratta di stabilire se mutuo soccorso e la convivenza sono tali da determinare l’accesso ad uno ‘status’ di famiglia ovvero di nucleo sociale e di attribuire diritti di conseguenza. E ci sono mille modi senza tirare in ballo il matrimonio…. Ma siccome la chiesa che, oltre che oscurantista è anche maligna…, riconduce tutto al sesso, allora come si può legittimare una convivenza senza ‘offendere’ la morale cattolica che con il suo concetto di famiglia pretende ancora di avere il controllo del talamo e di mettere il naso sotto le coperte della gente… Se sapeste cosa mi ha confidato una futura sposina dopo un colloquio col suo confessore prima del matrimonio… Domande come ‘ti sei mai toccata?’ o ‘lo sai vero che il piacere sessuale oltre un certo limite è peccato?…’ Sapete, se Dio ci fosse e decidesse di tornare sulla terra, per come la vedo io, andrebbe in giro vestito come Platinette e l’ultima cosa al mondo che farebbe sarebbe destinare il suo 8 per mille alla chiesa cattolica!!! Nop trea!!

  4. Piero
    21 Aprile 2008 at 06:23

    hai imparato molto poco da tuo padre e niente per quanto riguarda la tolleranza.
    Comunque consolati con il risultato delle ulime elezioni e continua la tua crociata!
    Un cattolico non adulto.

Comments are closed.