conferma della cassazione
BERLUSCONI È UN BUFFONE

   La Cassazione, annullando la condanna per ingiurie inflitta a Piero Ricca che, nel maggio del 2003, aveva inveito contro il Cavaliere dicendogli: “Buffone, fatti processare come tutti gli altri. Rispetta la legge, la Magistratura, la Costituzione, la democrazia e la dignità degli italiani o farai la fine di Ceaucescu o di Don Rodrigo”, ha confermato ciò che i cittadini onesti pensano del malfattore di Arcore: Berlusconi (tessera P2 n. 1816) è un buffone.

  9 comments for “conferma della cassazione
BERLUSCONI È UN BUFFONE

  1. 7 Giugno 2006 at 20:11

    concordo con la cassazione

  2. luca
    8 Giugno 2006 at 11:37

    non è colpa vostra…è colpa mia che leggo certe cose…..ma se si fosse trattato di fausto l’orologiaio ?

  3. edi
    19 Giugno 2006 at 11:02

    Anche i giudici della cassazione sono dei buffoni, anche chi tiene queste pagine su internet e’ un buffone anche io che ci scrivo sopra sono un buffone anche Prodi e’ un buffone quando lo si dice a Berlusconi e’ giusto se capita a noi fa male vero ? Buffoni.

  4. pietro
    19 Giugno 2006 at 16:41

    E molto peggio di un buffone, purtroppo.

  5. 19 Giugno 2006 at 23:31

    D’accordo con te, Pietro, il Cavaliere è ben peggio di un buffone.
    È uno che ha usato il potere mediatico acquisito mediante la corruzione di un giudice per attuare il piano criminale della P2 alla quale era iscritto con tessera n. 1816.
    È colui che ha riportato al potere gli eredi di Mussolini e dei boia di salò.
    È colui che ha evitato la giustizia facendosi delle leggi a proprio uso e consumo.

  6. andrea
    18 Settembre 2007 at 12:02

    ASCOLTAMI COMUNISTA DI MERDA SE VENGO LI DOVE SEI TU TI DO FUOCO E TI MANDO INSIEME A QUEI BASTARDI RUSSI NEI GULAG
    VOI SIETE DELLE TESTE DI CAZZO PERCHE’ ANCHE VOI COMUNISTI AMMAZZAVATE LA GENTE NEI CAMPI DI STERMINIO
    ALMENO NOI AMMAZZAVAMO ANCHE GLI ZINGARI
    INOLTRE QUANDO C’ ERA MUSSOLINI
    IN ITALIA NON C’ ERANO GLI SPORCHI COMUNISTI COME TE E COME IL TUO AMICO COMUNISTA DI MERDA PIETRO
    NON C’ERANO I MAROCCHINI E NEANCHE GLI ALBANESI E NEPPURE I FROCI INVERTEBRATI COME VLADIUMIR LUXURIA.
    GUARDA TE A CHE PUNTO SIAMO
    SIAMO SOTTO IL COMANDO
    DI QUEL TRIPPONE DI PRODI
    E DI QUEL O QUELLA TRAVONA DI LUXURIA
    SE CI FOSSE ANCORA IL DUCE
    LUXURIA SAREBBE IN UN CONDOMINIO A PULIRE I CESSI E LE MIE SCAGAZZATE

  7. andrea
    18 Settembre 2007 at 12:06

    E INOLTRE NON INSULTARE BERLUSCONI ALTRIMENTI TI SPACCO IL CULO COMUNISTA BASTARDO
    DAMMI IL TUO NUMERO DI CELL SE HAI I COGLIONI
    IL MIO E’ QUESTO:


    NOTA DELLA AMMINISTRAZIONE DEL SITO
    non essendo certi dell’autenticità del numero di telefono postato abbiamo preferito eliminarlo.

    TELEFONAMI COMUNISTA
    COMUNQUE MI CHIAMO ANDREA ALFIERI

  8. 18 Settembre 2007 at 17:58

    In genere, cancelliamo i commenti che, come quelli del signor “Andrea Alfieri”, non hanno alcun contenuto serio e non apportano niente alla discussione.
    Se abbiamo derogato a questa regola, è stato perché riteniamo che possano testimoniare a quali livelli di delirio può portare la mancata risoluzione di problemi legati alla psiche.

    Il povero “Andrea Alfieri”, non è evidentemente in possesso di sufficienti strumenti di analisi per rendersi conto che i sui deliri sono frutto di sue frustrazioni e desideri inconsci soffocati. La sua insistenza ed il suo disprezzo nei confronti degli omosessuali è tipica di coloro che non hanno superato del tutto la “fase fallica” ed il “complesso di castrazione”.
    Il signor “Andrea Alfieri” è sicuramente un povero disgraziato che vive male perché odiando l’oggetto che inconsciamente ama, risolve la sua ambivalenza emotiva attraverso la proiezione della componente aggressiva.

    Signor “Andrea Alfieri”, vada da un medico e si faccia indirizzare presso un buon terapeuta. Sarà per lei l’inizio di una nuova vita più serena e soddisfacente di quella che ora conduce.

    Faccia poi attenzione alle minacce ed alle frasi che profferisce.
    nel nostro Paese esistono i reati di minaccia, apologia del fascismo, apologia e istigazione all’odio razziale.

  9. pino
    27 Gennaio 2008 at 21:32

    carissimi italiani io sono

Comments are closed.