delusione della margherita
RITA BORSELLINO VINCE LE PRIMARIE IN SICILIA

   Con quasi il sessantasette per cento di consensi, Rita Borsellino, vedova del giudice assassinato dalla mafia che continua a governare l’Isola, ha vinto le primarie siciliane sconfiggendo Letteri, ex democristiano, ex forzaitaliota, il candidato della Margherita che il “cristiano rinato” Rutelli ha cercato di imporre a tutta la l’Unione.
Rutelli  Le primarie, così come era già avvenuto in Puglia con Vendola, si confermano uno strumento in grado di contrapporre la volontà della base alle alchimie dei politici ed agli accordi di vertice. Quelle alchimie e quegli accordi che defraudano i cittadini della loro volontà.

D’ANTONI PERDE ANCORA
   Sergio D’antoni, l’ex leader della Cisl, da sempre intimamente democristiano, da tempo speranzoso in un “Grande Centro” di cui ha già tentato, con esiti ridicoli (il 4,3% nel 2001), di essere l’interpretre in Sicilia ha impegnato la CISL dell’isola nel sostegno alla candidatura di Letteri.
  Gli è andata di nuovo male.
  Ma ha anche portato alla luce la mancanza di autonomia della CISL siciliana.

MASTELLA E RUTELLI UNITI NELLA TORTA
    Al seminario dell’Unione sul programma, in Umbria, Mastella ha minacciato di proporre un cambio di schieramento al prossimo congresso del suo partito.
  Certo, sarebbero state immediatamente più chiari a tutti i termini della problematica mastelliana se il leader dell’Udeur si fosse immediatamente espresso sul numero di posti di sottogoverno che pretende per restare nell’Unione.
  Nel corso del medesimo seminario anche Rutelli, reduce da un’indigestione di ostie consacrate ha avvertito: “Attenti al laicismo!”.

  6 comments for “delusione della margherita
RITA BORSELLINO VINCE LE PRIMARIE IN SICILIA

Comments are closed.